donna, sole, molo, fotoprotezione, capelli, creme solari, spf, pelle, dermatologia, cute

Innanzitutto va specificato che i raggi solari non fanno male in assoluto, anzi: l’esposizione al sole è fondamentale per la produzione di molti ormoni essenziali (come la serotonina e la melatonina). Inoltre, quando la luce solare colpisce direttamente la pelle, viene attivata la produzione endogena di vitamina D, sostanza rispetto alla quale generalmente si è un po’ carenti. Ecco allora che quando i raggi scaldano la cute, oltre a provocare una piacevole sensazione, l’intero organismo ne beneficia tra cui ovviamente anche la pelle, visto che l’esposizione al sole è un rimedio molto utile per aiutare a migliore molti disturbi cutanei, come la psoriasi e diverse forme di dermatiti.

I problemi dell’esposizione sopraggiungono quando questa è eccessivamente prolungata e sregolata, in particolare perché si genera per la cute una condizione di stress che parte dalla disidratazione dei tessuti, per arrivare a veri e propri danni funzionali. Per questo che è fondamentale proteggerla adeguatamente durante l’esposizione al sole.

Ma come?

Talvolta, si pensa che sia sufficiente schermare i raggi UVA e UVB: questi rappresentano solo il 10% dello spettro solare, mentre il restante 90% è costituito dalle radiazioni visibili e infrarosse che penetrano molto più in profondità.

Risulta quindi essenziale rivolgersi a prodotti in grado di proteggere la pelle da tutto lo spettro solare (UVA, UVB, visibili e infrarossi) e che abbiano una formulazione adatta ai diversi tipi di pelle e alle loro esigenze. Tuttavia, anche questo può non essere sufficiente.

heliocare, fotoprotezione, fotoprotettori, creme solari, creme, sole, pelle, dermatologia, spray, mousse, mineral, gel, spf

 

Diversi studi hanno dimostrato che la quantità di crema solare necessaria è molto maggiore di quella che usualmente si applica, anche quando si mettono in pratica tutte le accortezze del caso, come applicarla più volte al giorno e dopo essersi esposti all’acqua.

heliocare, capsule, integratore alimentare, sole, fotoprotezione, pelle, dermatologiaSupporti da abbinare sempre ai prodotti topici possono essere integratori alimentari* che siano in grado di aiutare a proteggere dai danni provocati dall’esposizione solare. La combinazione delle due forme di prodotti, ovvero la protezione topica abbinata a integratori alimentari, può rappresentare una buona strategia per una fotoprotezione efficace a 360°.

Agli effetti protettivi dei prodotti da applicare sulla pelle, si può abbinare l’utilizzo di integratori alimentari a base di betacarotene e di altre sostanze antiossidanti, fondamentali per aiutare a contribuire alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo generato da una eccessiva e sregolata esposizione al sole, aiutando quindi  a contrastare la formazione dei radicali liberi, da sempre acerrimi nemici della giovinezza.

 

(* Gli integratori alimentari della linea Heliocare devono essere utilizzati sempre in combinazione ai fotoprotettori topici. Gli integratori alimentari non vanno intesi come sostituti di una dieta variata ed equilibrata e uno stile di vita sano.)

Le “linee guida” indicano che la corretta quantità di crema da applicare per una completa fotoprotezione sarebbe di 2 mg per cm2: su un adulto si tradurrebbe con l’applicazione di circa 40 mg di prodotto non solo al giorno, ma ogni 2 ore: una situazione quasi impossibile sia dal punto di vista pratico, che da quello economico.

Recommended Posts